Vino bianco siciliano per pesce: sarde a beccafico, cosa abbiniamo?

Vino bianco siciliano per pesce: se siete alla ricerca di un abbinamento tanto classico quanto gustoso e tipico, noi ve ne proponiamo uno molto siciliano, condito con un pizzico di storia, una spruzzata di tradizione e un tocco di creatività che ha sempre contraddistinto la cucina della nostra regione.
Vino bianco siciliano per pesce sarde a beccafico cosa abbiniamo - Cantine Gulino

L’ideale vino bianco siciliano per pesce: cosa abbiniamo alle sarde a beccafico?

Se abbinate un buon vino bianco – rigorosamente siciliano – a un piatto a base di pesce, andate sul sicuro.
Come nel caso delle sarde a beccafico, che si accompagnano molto bene a un bianco di qualità.

La tradizione gastronomica siciliana celebra questa pietanza come uno dei piatti più caratteristici, noti e replicati, con tantissime varianti. Eppure ben poco ha a che vedere il beccafico, una specie di volatile oggi protetta, con le sarde che, invece, sono dei pesci simili alle alici e alle acciughe. 

Il beccafico è un uccellino simile alla capinera, ghiotto di fichi e dalle carni molto saporite, dolci e succulente. Bisogna tornare indietro nel tempo per scoprire la relazione tra questi due “ingredienti”.

Siamo nella Sicilia del 1800. 

I nobili siciliani si dilettavano nell’arte venatoria. I volatili cacciati passavano ai cuochi al servizio delle loro famiglie che, con il beccafico in particolare, preparavano una pietanza riservata a pochi: servire il beccafico era, però, un privilegio, un onore per pochi ospiti di riguardo. 

Farcivano il beccafico con un ripieno a base di pangrattato, formaggio grattugiato erbe aromatiche e le interiora del volatile, mettevano tutto in forno e, infine, li servivano con la coda all’insù, in modo che si potessero facilmente afferrare e gustare. 

Il profumo del beccafico si spargeva ovunque. Una tentazione continua, un piacere negato ai popolani al servizio dei nobili che non potevano andare a caccia né mangiare quel tipo di prelibatezze. Grazie alla loro inesauribile fantasia inventarono una versione alternativa e a buon mercato, sostituendo la carne del beccafico con un ingrediente più semplice e povero, ma ugualmente saporito: le sarde, da cucinare con un ricco e profumato ripieno a base di uva passa, succo di arancia e limone, pinoli, pangrattato.

Da far invidia alla ricetta originale.

Oggi il beccafico è una specie protetta, ma le sarde a beccafico continuano a essere una prelibatezza tutta sicula. Come spesso accade, ogni zona ha una sua peculiarità nel cucinare questo piatto: nella parte occidentale le sarde vengono arrotolate ad anello, con la coda in altro e infilzate negli spiedini, come nella tradizione del beccafico, e ripiene di uvetta, pinoli, pangrattato, prezzemolo; nella parte orientale, invece, sono cucinate in coppia, con una sarda a fare da base, poi il ripieno e, infine, sopra un’altra sarda per chiudere. Nella zona del catanese, poi, le sarde vengono marinate nell’aceto e cucinate con un ripieno di pangrattato, pecorino o caciocavallo, aglio e prezzemolo.

In alternativa alle sarde, si possono usare le alici.

[Il vino bianco siciliano da abbinare al pesce: puntiamo su un fresco Insolia

Alle sarde a beccafico, piatto tipico della nostra tradizione culinaria, accostiamo un vino bianco aromatico, fresco e strutturato: la nostra scelta cade sul Fania, il blend tra Fiano e Insolia, la cui piacevolezza si sposa bene con il gusto deciso delle sarde e ne esalta allo stesso tempo il caratteristico gusto agrodolce.  

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Linkedin
Condividi su Pinterest
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Telegram
RIMANIAMO IN CONTATTO!
Abbiamo una favolosa Newsletter che attende solo te!
Semplice, ricca, colorata e rispettosa della tua Privacy.
Che aspetti? Pochi clic e il gioco è fatto!