Abbinamento vino: coniglio “alla stemperata” e Chardonnay

Abbinamento vino- coniglio “alla stemperata” e Chardonnay - Cantine Gulino
La cucina siciliana è una continua sorpresa, una commistione spesso ardita di sapori tra di loro contrastanti che, nella sapienza antica e popolare, hanno sempre trovato gustosi equilibri: ancora oggi queste pietanze deliziano i nostri palati e riscaldano le nostre tavole, soprattutto nei periodi di festa. Il coniglio “alla stemperata”, piatto tipico siracusano cucinato soprattutto nel periodo pasquale, ne è un esempio. Abbiamo scelto, come abbinamento vino, un ottimo Chardonnay.

Abbinamento vino: “coniglio alla stemperata”, una ricetta tipica della Sicilia orientale

Erano facili da cacciare i conigli selvatici, in Sicilia: le campagne ne erano piene. 
Un ottimo bottino che finiva direttamente nelle tavole preziosamente imbandite dei nobili e in quelle più semplici del popolo. Verdure dell’orto, la salsa agrodolce in cui far “stemperare” la carne del coniglio ed ecco la ricetta del “coniglio a stimpirata”, lontana parente del “coniglio alla portoghese” amato e apprezzato dal navigatore Cristoforo Colombo.

Cucinare alla “stimpirata” indicava una cottura in una salsa agrodolce che serviva per ammorbidire, insaporire, arricchire il gusto delle diverse preparazioni, come il coniglio: in passato, si utilizza la “stemperata” per moderare, coprire odori di cibi poco freschi. Era un caratteristico metodo di cottura siracusano, solitamente riservato al pesce spada, che a Noto era usato anche per esaltare il gusto della carne di coniglio arricchita dai sapori decisi e intensi di peperoni, patate, olive verdi e anche della menta fresca.

Coniglio “a stimpirata”: come si preparava?

Piatto della cucina iblea diffuso oggi in tutta l’isola, “U cunigghiu ‘a stimpirata” era storicamente una delle ricette più consumate dai contadini, caratteristico soprattutto delle zone di Siracusa, Ragusa e Agrigento, dove era consuetudine consumarlo freddo.
La particolarità stava anticamente nell’aggiunta della “vastunaca”, una varietà di carota selvatica delle campagne siciliane, dal gusto molto dolce e dal particolare colore rosso. Il coniglio alla stemperata era un piatto che giocava tutto il suo gusto nel sapiente equilibrio tra il sapore più selvatico della carne, le verdure (sedano, cipolle, carote, patate), la freschezza della menta e il sapore agrodolce che si otteneva unendo capperi, olive pomodoro, aceto, peperoncino.
Come sempre, ogni zona aveva le sue varianti: nella cittadina di Avola, per esempio, si preferiva aggiungere il peperone; nella zona montana si usavano le patate; nell’entroterra ibleo alloro, chiodi di garofano e cioccolata amara sciolta sostituivano capperi e olive; in altre zone si aggiungeva l’uvetta.

Abbinamento vino, coniglio alla stemperata: quale scegliere?

Per il coniglio alla stemperata, il nostro consiglio è di abbinare un vino bianco da uve Chardonnay come il nostro Akram, che, in georgiano, significa ‘generoso’.
Versatile e cosmopolita, il vitigno Chardonnay si adatta ai terreni e cambia a seconda delle caratteristiche dei territori in cui viene coltivato e delle abitudini dei vignaioli. Per questo, pur essendo originario della Borgogna e dello Champagne, coltiviamo il vitigno Chardonnay anche qui in Sicilia.
Lo Chardonnay che vi consigliamo in abbinamento al coniglio alla stemperata è un vino bianco sofisticato, dalla forte e riconoscibile anima sicula che si esplica negli aromi di frutta gialla, nelle note agrumate e in quelle intense di pera. Fresco, strutturato, dalla forte mineralità e sapidità, il nostro Akram si presta ad arricchire piatti di carne bianca e a gestire bene l’agrodolce caratteristico della ricetta del coniglio alla stemperata.

Vuoi condividere l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Rimaniamo in contatto?

Se vi è piaciuto questo articolo e volete essere sicuri di non perdere i nostri aggiornamenti,
potete iscrivervi alla nostra Newsletter: discreta, mai invadente, rispettosa della vostra Privacy, che custodiamo gelosamente.

Altri articoli dal nostro blog per voi!

Abbinamento vino e pane condito, re dello street food siciliano

Abbinamento vino e pane condito, re dello street food siciliano

Il pane condito siciliano è più di un semplice panino imbottito. È un inno alla genuinità della cucina siciliana, al gusto e alla creatività che ne ha sempre contraddistinto ogni aspetto. Come spesso accade, il pane “cunzato” nasce come piatto povero per diventare, poi, una vera leccornia e una pietanza caratteristica dello street food isolano cui è impossibile resistere!

Leggi tutto....
Cantine Aperte 2022 appuntamento il 28 e 29 maggio

Cantine Aperte 2022: vi aspettiamo il 28 e il 29 maggio!

Torna Cantine Aperte, l’iniziativa enoturistica nazionale con cui, ogni anno, il Movimento Turismo del vino coinvolge le cantine sparse per l’Italia, winelovers e semplici curiosi in esperienze all’aria aperta, tra i vigneti, degustando ottimi vini accompagnati dal meglio dei prodotti tipici del Belpaese. Dopo una sosta di due anni causa pandemia, Cantine Aperte si svolgerà il 28 e il 29 maggio 2022.

Leggi tutto....
Alla scoperta dei vitigni autoctoni siciliani l’Albanello

Albanello: alla scoperta di un antico vitigno siracusano

In Sicilia, il vitigno Albanello era quasi scomparso. Fu riscoperto – se così si può dire – da Mario Soldati negli anni ‘60: mentre viaggiava alla scoperta dei vitigni italiani tipici e delle tradizioni vinicole del nostro paese, fece tappa a Siracusa, dove s’imbattè nei due famosi “carichi”, il Moscato di Siracusa e l’Albanello, vitigni di pregio della nostra isola insieme al Nero d’Avola. Conosciamo meglio questo speciale ambasciatore della nostra terra.

Leggi tutto....
Abbinamento vino e focaccia siciliana- i vota vota

Abbinamento vino e focaccia siciliana: i vota vota

Perché si chiamano “vota vota”? E cosa possiamo abbinare a questa speciale focaccia siciliana, che si distingue per la sua pasta sottile e croccante, per il ripieno, che sia classico o più ricercato, per la sua miscela di sapori e profumi che, ancora una volta, conferma l’assioma? Pur nella sua semplicità, la cucina siciliana è sempre una miscela sorprendente di sapori autentici.

Leggi tutto....