Come scegliere i vini da regalare per Natale?

Si respira aria di festa in cantina: Natale si avvicina e le nostre bottiglie, vestite a festa, si preparano ad accompagnare pranzi e cene natalizie e, perché no, a diventare il dono perfetto per amici e familiari.
Come scegliere i vini da regalare per Natale?

Le feste si avvicinano: che vino regalare a Natale?

Scegliere il vino perfetto da regalare a Natale può trasformare un gesto di affetto, stima, cortesia in un’esperienza indimenticabile. A Natale, il vino diventa compagno ideale per celebrare momenti speciali e condividere gioia con amici e famiglia, complice perfetto di serate in allegria e spensieratezza tra sapori e pietanze tipiche. Vini rossi corposi, come il vino rosso siciliano Nero d’Avola, che si abbinano bene ai piatti tradizionali natalizi; vini bianchi eleganti, come il vino bianco siracusano Albanello, per accompagnare piatti di pesce e primi piatti leggeri, vini dolci e profumati, come il Moscato di Siracusa, per regalare un finale perfetto e avvolgere il palato con le sue intense note aromatiche e la sua delicata soavità.
Uno spumante, come il nostro Maluk, celebra infine l’allegria delle feste con la gioia effervescente delle sue bollicine.

In occasione delle festività di Natale 2023, per accoglierti, darti la possibilità di scoprire e conoscere i nostri Calici di Storia e creare le tue confezioni di vini da regalare a Natale, la nostra cantina cambia i suoi orari.

DAL 1 DICEMBRE lunedì- sabato 8-13/15-17.30
DOMENICA MATTINA aperti 8-13

Già sfavillano le nostre bottiglie nella loro veste migliore per le festività natalizie.

Se vieni a trovarci in cantina, potrai sorprendere i tuoi amici e parenti con un dono unico, raffinato, elegante, interessante, assaggiare il vino che deciderai di inserire nelle tue confezioni regalo, scegliere tra diverse tipologie di confezioni:

  • astuccio singolo per bottiglie da 0,50 e 0,75 cl,
  • valigetta da due e tre bottiglie,
  • scatola nera da tre, quattro, sei bottiglie,
  • cofanetto in legno tre, quattro, sei bottiglie.

Quest’anno potrai regalare e brindare con il nostro spumante rosé Nero d’Avola Maluk!

Maluk era l’antica denominazione araba del toponimo Milocca e aveva il significato di frutteto di ciliegi.
Un evidente richiamo al nostro territorio e alle caratteristiche di questo speciale e antico vitigno autoctono a bacca rossa che, con le sue uve, dona allo spumante lo speciale colore rosato e un bouquet di inedite fragranze fruttate. 

Maluk racchiude l’eleganza del Nero d’Avola in una bollicina rosé vivace e delicata.

Il metodo classico utilizzato per la produzione di Maluk prevede un affinamento in botte e, poi, in bottiglia, di 24 mesi, per conferire al vino il suo fine perlage e una struttura elegante e complessa. Il risultato è un vino spumante di alta gamma, dal gusto fresco e armonioso, elegante e dalla personalità unica, caratteristiche che lo rendono un prodotto esclusivo, capace di donare emozioni uniche a ogni sorso.

Cosa vuol dire regalare una bottiglia di vino?

Saverio Landolina Nava, lo studioso siracusano che identificò nel Moscato di Siracusa il vino più antico d’Italia, era solito regalare – pur essendo astemio – del buon vino siciliano agli amici, stille della sua terra nei cui aromi unici e ricercati erano racchiuse le sfaccettature di quest’isola dalla storia millenaria.

Il vino è racconto di un territorio. In ogni sorso percepisci l’arte e la passione del vignaiolo, dai profumi e dai sapori comprendi le caratteristiche peculiari del luogo in cui nasce, come se la terra stessa si rivelasse in una sinfonia di note aromatiche. Il semplice gesto di regalare una bottiglia rappresenta un omaggio alla tradizione vinicola e il semplice gesto di regalare un vino esalta l’atmosfera calda e accogliente delle festività natalizie che divengono un momento di gioia e condivisione.

Mentre sorseggi un calice di vino, ti lasci trasportare dai profumi e dai sapori che avvolgono i sensi. Ti sembra quasi di vederli quei panorami verdeggianti, le foglie che si muovono all’unisono delicatamente scosse dal vento, le viti ribelli che si arrampicano sui tralci, quei grappoli tondi e succosi, così perfetti alla luce del sole estivo mentre ne rubano il calore fino all’ultimo raggio e se ne nutrono a sazietà.

Perchè regalare vino a Natale?

Regalare vino a Natale crea un legame tra chi offre il regalo e chi lo riceve, attraverso la magia di un vino che è molto più di una bevanda: è un frammento di storia, cultura e passione imbottigliato.

Il vino per Natale è un’opportunità, un regalo che non passa mai di moda, sempre gradito e apprezzato, soprattutto se è tipico di un territorio e porta con sé una storia da raccontare e condividere con gli altri.

  1. Regalare un vino significa donare la storia e la tradizioni di un territorio. 
    Ogni vino è espressione del suo terroir, frutto di condizioni climatiche, caratteristiche fisiche, geologiche, geografiche, culturali uniche e inimitabili, fuse in un calice di rosso, intenso e corposo, di un bianco, leggero e delicato, o di un dolce, profumato e aromatico. Storia e tradizione nutrono il terreno in cui le viti affondano le loro radici, riempiono l’aria che le foglie respirano, sono le costanti che accompagnano la mano dell’uomo nel suo quotidiano lavoro in vigna e in cantina, una sapienza antica che, insieme ad antiche origini, si fa vino e diventa racconto di un territorio. Soprattutto se è tipico di un territorio e lo fai con la consapevolezza della ricchezza che stai donando, una bottiglia di vino è un regalo prezioso, dal valore inestimabile.

  2. Il vino è un regalo senza tempo, sempre gradito, che sorprende e incuriosisce.
    Il vino è una sorpresa. Incuriosisce e, poi, conquista. È scoperta, un’esperienza irripetibile che rimane con noi nel tempo. Un ricordo che si imprime nella memoria e che riviviamo quando stappiamo di nuovo la bottiglia. Quando regaliamo agli altri un vino che abbiamo apprezzato e amato, trasmettiamo una parte di quella memoria, di quell’esperienza, delle sensazioni provate, di quel vissuto. Arricchiamo il dono, già di per sé unico e speciale, con il nostro racconto, i nostri aneddoti, condividiamo con passione una piccola eredità che fino a quel momento abbiamo custodito e tenuto per noi.

  3. Il vino riscalda l’atmosfera, arricchisce la tavola delle feste e favorisce la convivialità.
    Durante le feste, un calice di vino sta alla tavola imbandita come il panettone al Natale: non può mancare. È un dono elegante che dà un tocco di calore e colore all’atmosfera festosa, spicca sulle tovaglie ricamate e decorate, compagno fedele durante il pasto permette di apprezzare ancor di più il menu imbandito per l’occasione, rende più piacevoli i momenti che si trascorrono insieme alle persone care.

Come scegliere il vino da regalare a Natale?

Se sei anche tu alla ricerca di un buon vino da regalare, abbiamo tre consigli per iniziare a pensare alla confezione regalo vini perfetta, da donare a chi vuoi tu!

Tra tutte le idee regalo per Natale, il vino è senz’altro unica e particolare.
Le nostre nove etichette accontentano anche i gusti più sofisticati: vini siciliani pregiati, vini autoctoni, vini dal sapore internazionale. Nella varietà meravigliosa dei vitigni e nelle combinazioni di aromi, profumi e fragranze che puoi apprezzare sorseggiando un calice è racchiusa la storia millenaria del nostro territorio.

Autoctonie
Puoi combinare le nostre tre autoctonie: l’Albanello, il Moscato di Siracusa e il Nero d’Avola.
Sono i tre vitigni autoctoni che coltiviamo solo nella zona del siracusano e hanno la peculiarità di essere dei vitigni storici, le cui origini – spesso misteriose – si perdono indietro nel tempo. Non può mancare, per completare la confezione regalo, il Moscato di Siracusa. Il vino più antico d’Italia, amato dai greci e conosciuto fin dall’antichità come Pollio.

La Sicilia in tutto il suo splendore
Puoi combinare i due ottimi rossi della cantina, il Drus e il Fanus, entrambi rappresentanti della migliore viticoltura sicula. Con il Drus assapori il Nero d’Avola in purezza; con il Fanus, invece, sperimenti un signorile blend in cui il misterioso Syrah incontra il siciliano Nero d’Avola. E se vuoi aggiungere un bianco, puoi aggiungere un elegante Fania, che rafforza la tradizione siciliana del vitigno Insolia alla vivacità tutta meridionale del Fiano. 

I vini dolci
Puoi combinare il Moscato di Siracusa, vino dolce e passito: piacevole vino da dessert e vino da meditazione, perfetto per concludere la serata in un’atmosfera rilassata e in buona compagnia. Il Moscato di Siracusa è considerato il vino più antico d’Europa. Siracusa vanta, infatti, una lunga, antica e consolidata tradizione di vini dolci, “perle dell’antichità” secondo Omero. I vini dolci furono i primi a essere prodotti nell’antichità: molto longevi, si conservavano meglio e più a lungo e, per questo, potevano essere persino esportati in luoghi lontani da quelli di produzione. I Greci introdussero in Sicilia le viti apianee, varietà, cioè, i cui grappoli d’uva erano così dolci e aromatici da attirare le api, e ci hanno trasmesso le tecniche di coltivazione della vite e l’arte della vinificazione.

Come confezionare una bottiglia per Natale?

Questi sono solo alcuni spunti per creare una confezione regalo di vini natalizia indimenticabile!

Esplora ulteriori idee per un dono che non solo delizierà tutti i sensi e sarà anche una festa per gli occhi.
Scarica la nostra brochure natalizia e vieni a trovarci in cantina: la magia del Natale si cela nei dettagli e la tua confezione regalo sarà un bel momento di gioia da condividere!

Speciale Natale 2023

SCARICA LA BROCHURE

Condividi l'articolo!

Letture consigliate

Storia del vino rosé

Storia del vino rosé

Dopo l’exploit al recente Concours Mondial De Bruxelles, che ha incoronato miglior vino al mondo proprio un vino rosé italiano, i vini rosati continuano a conquistare gli appassionati di vino con la loro delicata colorazione e il gusto fresco e fruttato. Cosa li rende così speciali e, soprattutto, quali sono le origini di questa particolare tipologia di vini?

Continua a leggere...
Cantine Aperte 2024

Cantine Aperte 2024

Il 25 e il 26 maggio 2024, in occasione di Cantine Aperte, tradizionale evento nazionale promosso dal Movimento Turismo del Vino e dedicato al vino e all’enoturismo, vi aspettiamo in cantina per degustare in anteprima le nuove annate dei nostri Calici di Storia abbinati alle sfiziose specialità artigianali del Salumificio De Pascalis di Palazzolo Acreide.

Continua a leggere...
Come si svolgono le degustazioni in cantina?

Esperienze e degustazioni in cantina 2024

Visitare un’azienda vinicola e partecipare alle degustazioni in cantina è un’esperienza adatta a tutti, ricca di suggestioni, imperdibile per avvicinarsi al fascino del mondo del vino. Si può passeggiare tra le vigne, ammirare la varietà dei vitigni tipici del territorio, conversare con il produttore e scoprire come nasce il vino. Si possono ascoltare aneddoti e storie tramandate di generazione in generazione, perché ogni calice degustato custodisce profumi e sapori che richiamano antiche memorie e tradizioni.

Continua a leggere...