Abbinamento vino e focaccia siciliana: i vota vota

Perché si chiamano “vota vota”? E cosa possiamo abbinare a questa speciale focaccia siciliana, che si distingue per la sua pasta sottile e croccante, per il ripieno, che sia classico o più ricercato, per la sua miscela di sapori e profumi che, ancora una volta, conferma l’assioma? Pur nella sua semplicità, la cucina siciliana è sempre una miscela sorprendente di sapori autentici.
Abbinamento vino e focaccia siciliana- i vota vota

Abbinamento vino: la focaccia siciliana e la tradizione dei vota vota

È sfiziosa, pur nella sua semplicità.
Golosa nelle sue tante varianti, perché ogni zona della Sicilia ha la sua ricetta tipica.
La focaccia siciliana esprime la fantasia e la creatività della gastronomia isolana, in bilico, ancora una volta, tra tradizione e innovazione.

Sembra che la focaccia siciliana si ricolleghi al mito greco di Demetra, dea della fertilità e dei raccolti, e di sua figlia Core. Alla dea istitutrice dell’agricoltura, in primavera, si dedicavano offerte votive perché rendesse fecondi i campi e fruttuose le messi. Secondo il mito, infatti, quando Demetra giunse in Sicilia alla ricerca della figlia rapita da Ade e non la trovò, per vendetta distrusse i campi di grano e rese la terra arida. Zeus le concesse di ricongiungersi alla figlia perduta solo in primavera: da allora, in questa stagione, i Greci di Sicilia presero l’usanza di offrire alla dea, durante le Tesmoforie, focacce con il sesamo e il miele.

Focaccia siciliana ripiena: le “scacce” e i “vota vota”.

 Tra le focacce siciliane più conosciute, merita una menzione la focaccia messinese: l’impasto è alto e soffice, il condimento è a base di scarola, pomodoro a pezzi, acciughe olive e formaggio.

Nella Sicilia orientale, accanto alla più classica focaccia siciliana, sono molto diffuse anche alcune varietà chiuse e farcite di ingredienti diversi: tra Ragusa e Siracusa è facile imbattersi nella tipica “scaccia” o “vota vota”, spesso ripieni di cipolla, prezzemolo e mozzarella. Le origini di queste particolari varianti pare risalgano al XVII secolo: erano pietanze preparate dalle mogli dei contadini e, grazie al ricco ripieno, era per loro un pasto completo, sostanzioso e genuino.

Non fatevi ingannare: anche se, a una prima occhiata, possono sembrare simili al classico “calzone” che comunemente troviamo in pizzeria, ripieno di prosciutto e formaggio o di verdura, i vota vota sono davvero particolari: il nome deriva dal verbo “votare” che, in dialetto, significa “girare”, “voltare” e allude alla preparazione della focaccia, perché l’impasto, a base di farina di grano duro, una volta steso per bene e condito con il ripieno prescelto, viene girato e rigirato più volte.

Sono anche conosciuti come “inganna marito”, perché, nella scelta del condimento, spesso si utilizzava ciò che era disponibile in dispensa. Ma, nonostante si utilizzassero ingredienti poco ricercati, i vota vota erano talmente buoni, golosi e appetitosi da accontentare perfino i mariti più esigenti e abituati a sapori sofisticati.

Focaccia siciliana: che vino abbiniamo ai vota vota?

 

Il vota vota è una delle specialità tipiche del nostro territorio che serviamo in accompagnamento ai nostri vini durante le nostre degustazioni in cantina.
Il vino prediletto per questa speciale focaccia siciliana ripiena è il nostro blend di Syrah e Nero d’Avola Fanus: un carattere deciso per un vino affabile che ben sa affiancare sapori decisi senza sovrapporsi e lasciare in bocca il piacevole ricordo di un vino caldo, morbido, avvolgente.

DEGUSTAZIONI E APERIVINI IN CANTINA

Scegliete la vostra esperienza tra vino e cibo!

Ogni calice di vino che presentiamo in degustazione, insieme agli assaggi più caratteristici della gastronomia locale, è una vera esperienza del vino, del suo territorio di produzione, ne racchiude caratteristiche, storia, tradizioni, cultura.
I nostri vini sono il racconto della terra che nutre e conferisce sapidità alle uve, della dedizione alla campagna e al lavoro tra le vigne, dell’avvincente storia ammantata di mito dei vitigni che, da generazioni, coltiviamo in Contrada Fanusa: il Moscato di Siracusa, il vino più antico d’Italia, l’Albanello siracusano e il Nero d’Avola.

Condividi l'articolo!

Letture consigliate

Storia del vino rosé

Storia del vino rosé

Dopo l’exploit al recente Concours Mondial De Bruxelles, che ha incoronato miglior vino al mondo proprio un vino rosé italiano, i vini rosati continuano a conquistare gli appassionati di vino con la loro delicata colorazione e il gusto fresco e fruttato. Cosa li rende così speciali e, soprattutto, quali sono le origini di questa particolare tipologia di vini?

Continua a leggere...
Cantine Aperte 2024

Cantine Aperte 2024

Il 25 e il 26 maggio 2024, in occasione di Cantine Aperte, tradizionale evento nazionale promosso dal Movimento Turismo del Vino e dedicato al vino e all’enoturismo, vi aspettiamo in cantina per degustare in anteprima le nuove annate dei nostri Calici di Storia abbinati alle sfiziose specialità artigianali del Salumificio De Pascalis di Palazzolo Acreide.

Continua a leggere...
Come si svolgono le degustazioni in cantina?

Esperienze e degustazioni in cantina 2024

Visitare un’azienda vinicola e partecipare alle degustazioni in cantina è un’esperienza adatta a tutti, ricca di suggestioni, imperdibile per avvicinarsi al fascino del mondo del vino. Si può passeggiare tra le vigne, ammirare la varietà dei vitigni tipici del territorio, conversare con il produttore e scoprire come nasce il vino. Si possono ascoltare aneddoti e storie tramandate di generazione in generazione, perché ogni calice degustato custodisce profumi e sapori che richiamano antiche memorie e tradizioni.

Continua a leggere...