Guida Vinibuoni d’Italia 2021: ancora un riconoscimento per il Moscato passito Jaraya

Guida Vinibuoni d’Italia- ancora un riconoscimento per il Moscato passito Jaraya - Cantine Gulino
Un inno alla diversità della nostra terra, caratterizzata dai tanti vitigni autoctoni le cui origini, spesso, si perdono a ritroso nel tempo, e valorizzata dai tanti vini di qualità, accuratamente selezionati e raccontati: siamo orgogliosi di far parte, con il nostro Moscato passito Jaraya, dell’edizione 2021 della Guida Vinibuoni d’Italia.

Jaraya tra i "vini da non perdere" della Guida vinibuoni d'italia 2021.

Quattro stelle al nostro Moscato passito Jaraya 2019 “per la sua piacevolezza, corrispondenza al vitigno ed equilibrio”.

Con queste parole, il nostro Jaraya entra nella Guida Vini Buoni d’Italia (Touring Club Italiano), edizione 2021, nella sezione “vino da non perdere”.

Il nostro Moscato passito ti aspetta!

Scopri gli aromi unici del Moscato di Siracusa!
Il vino più antico d'Italia nella sua declinazione di passito.

Valorizzare il Made in Italy e la grande tradizione enologica italiana: una mission importante per la Guida Vini buoni d’Italia che, da sempre, dà spazio ai vitigni autoctoni italiani come manifestazione unica e tipica dei nostri territori.

È, infatti, la sola guida “dedicata ai vini da vitigni autoctoni, cioè a quei vini prodotti al 100% da vitigni che sono presenti nella Penisola da oltre 300 anni.”

Trasparenza e rigore per gli ottanta degustatori qualificati, suddivisi in 21 commissioni, che collaborano alla selezione dei vini meritevoli di un riconoscimento, per raccontare la diversità che rende unica la nostra Italia e di cui il vino, nelle sue mille declinazioni, è interprete privilegiato.

La Guida sarà disponibile nel 2021.

Vuoi condividere l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Rimaniamo in contatto?

Se vi è piaciuto questo articolo e volete essere sicuri di non perdere i nostri aggiornamenti,
potete iscrivervi alla nostra Newsletter: discreta, mai invadente, rispettosa della vostra Privacy, che custodiamo gelosamente.

Altri articoli dal nostro blog per voi!

Pane fritto siciliano, merenda delle nonne - Cantine Gulino

Pane fritto siciliano, merenda delle nonne

Nella sua variante dolce, il pane fritto siciliano era la merenda che mamme e nonne di una volta preparavano ai bambini: semplice, veloce e genuino, il pane avanzato, tagliato a fette, fritto e spolverato di zucchero, si trasformava in un delizioso dolcetto che metteva d’accordo tutti, grandi e piccini. Riscopriamo, con il pane fritto, una pietanza povera, radicata nell’antica tradizione siciliana, che ci riporta indietro nel tempo, ai ricordi dell’infanzia.

Leggi tutto....
Abbinamento vino biscotti di mandorla - Cantine Gulino

Abbinamento vino e biscotti di mandorla

I biscotti di mandorle “Pizzuta” di Avola sono deliziosi pasticcini secchi dal cuore morbido, dolcini di mandorle caratteristici del nostro territorio. La mandorla di Avola, infatti, è tra le varietà più ricercate di mandorla italiana: si coltiva nel siracusano ed è particolarmente adatta a essere sgusciata e trasformata, soprattutto nel settore della confetteria di qualità. L’abbinamento vino di questi pasticcini di pasta di mandorle, semplici e deliziosi, con un calice di Moscato di Siracusa è presto fatto!

Leggi tutto....
Chi ha inventato l’aperitivo - Cantine Gulino

Chi ha inventato l’aperitivo?

Un calice di vino, assaggi di cibi locali da abbinare, una buona compagnia. È la ricetta perfetta dell’aperitivo, un rituale ormai consolidato, un’abitudine diffusa, una tradizione italiana che si ripete soprattutto durante i fine settimana e l’estate, quando ci si può rilassare all’aria aperta godendo di uno splendido tramonto sul mare. Vi siete mai chiesti, però, quando e perché nasce l’aperitivo?

Leggi tutto....
Vendemmia 2022, il nostro racconto - Cantine Gulino

Vendemmia 2022: il nostro racconto

Per noi vignaioli, l’inizio della vendemmia è il periodo più atteso dell’anno. Un momento cruciale che abbiamo vissuto, in queste settimane, con frenesia e un pizzico di ansia, tra un Aperivino in cantina e l’altro, tra un anticiclone africano e l’altro. La natura, come sempre, ha dettato le sue regole e ci ha spinto ad anticipare di qualche giorno la tabella di marcia per la raccolta dell’uva. Ve la raccontiamo, allora, la nostra vendemmia di quest’anno, con il conforto delle antiche memorie, mediate dalle parole, e la suggestione delle immagini del presente.

Leggi tutto....