Il “Pesce d’uovo”: storia, tradizione e vino da abbinare

Quando ci accostiamo alla variegata enogastronomia siciliana, è sempre meraviglioso lasciarsi trasportare dalla ricchezza di profumi e sapori che ne compongono e definiscono la tradizione. Così, oggi, vi raccontiamo la leggenda del “pesce d’uovo”, un piatto povero siciliano, semplice e gustoso, e vi suggeriamo l’abbinamento vino che, secondo noi, ne esalta il sapore.
Pesce d’uovo storia, tradizione e vino da abbinare - Cantine Gulino

Il “pesce d’uovo” e la tradizione dei pescatori siciliani

Oggi pisci d’ovu

Furono – secondo la tradizione –  i pescatori siciliani a dare un nome così strano a questa pietanza siciliana che di tutto sa, tranne che di pesce: il “pesce d’uovo”. Perché, dopo una lunga battuta di pesca, quando tornavano in porto a mani vuote e non potevano dare alle mogli il pescato fresco da cucinare, rispondevano: “oggi pisci d’ovu”. 

L’uovo, dunque, sostituiva il pesce.

Il “pesce d’uovo”, di cui vi raccontiamo la storia perché è un classico della tradizione culinaria siciliana e perché fa parte degli assaggi tipici che abbiniamo ai nostri vini durante le degustazioni, era considerato il “pesce” dei poveri, anche se il pesce non compariva tra gli ingredienti e non faceva parte della preparazione. In passato, infatti, il pesce fresco era una prerogativa dei più ricchi in Sicilia e raramente compariva sulle mense dei contadini siciliani. 

“Pesce d’uovo”: come si preparava?

 
Dalla creatività e fantasia dei siciliani nacque questa ricetta a base di uova che, a un primo sguardo, può sembrare una normale frittata. Il pesce d’uovo era più ricco, però, sostanzioso e succulenta: alla preparazione si aggiungeva, infatti, anche del pecorino e del pangrattato. La frittata, una volta cotta, si arrotolata su se stessa, per farle assumente una forma allungata che ricordava, appunto, il pesce fritto. Nel tempo nacquero innumerevoli varianti per la farcitura: provola e spinaci, scamorza e prosciutto, zucchine, melanzane, peperoni.

“Pesce d’uovo”: il nostro abbinamento vino

 

Per questa pietanza tradizionale siciliana abbiamo scelto il nostro vino rosso Fanus, felice connubio tra due vitigni molto interessanti, uno tipico siracusano e l’altro orientale, il Syrah. In questo blend, che ben si sposa con i sapori decisi delle uova e con la frittura, i tannini delicati lasciano la sensazione di un vino morbido, appagante, caldo e avvolgente.

Il vino rosso Syrah - Nero d'Avola Fanus

Condividi l'articolo!

Letture consigliate

Storia del vino rosé

Storia del vino rosé

Dopo l’exploit al recente Concours Mondial De Bruxelles, che ha incoronato miglior vino al mondo proprio un vino rosé italiano, i vini rosati continuano a conquistare gli appassionati di vino con la loro delicata colorazione e il gusto fresco e fruttato. Cosa li rende così speciali e, soprattutto, quali sono le origini di questa particolare tipologia di vini?

Continua a leggere...
Cantine Aperte 2024

Cantine Aperte 2024

Il 25 e il 26 maggio 2024, in occasione di Cantine Aperte, tradizionale evento nazionale promosso dal Movimento Turismo del Vino e dedicato al vino e all’enoturismo, vi aspettiamo in cantina per degustare in anteprima le nuove annate dei nostri Calici di Storia abbinati alle sfiziose specialità artigianali del Salumificio De Pascalis di Palazzolo Acreide.

Continua a leggere...
Come si svolgono le degustazioni in cantina?

Esperienze e degustazioni in cantina 2024

Visitare un’azienda vinicola e partecipare alle degustazioni in cantina è un’esperienza adatta a tutti, ricca di suggestioni, imperdibile per avvicinarsi al fascino del mondo del vino. Si può passeggiare tra le vigne, ammirare la varietà dei vitigni tipici del territorio, conversare con il produttore e scoprire come nasce il vino. Si possono ascoltare aneddoti e storie tramandate di generazione in generazione, perché ogni calice degustato custodisce profumi e sapori che richiamano antiche memorie e tradizioni.

Continua a leggere...